Isola dei Famosi

Ore
Torna su
Fuori dal coro

Fuori dal coro

Sull'Isola del Fuoco si avverte fin dalle prime luci del mattino del venerdì un'atmosfera decisamente rilassata. Samantha de Grenet, entusiasta, racconta a Giulia Calcaterra e Giulio Base dell’enorme pesce appena pescato da Raz Degan. Per non essere da meno, anche Giacomo Urtis si dedica alla pesca: il bottino è un po’ più scarno, ma si ritiene comunque soddisfatto. Dal suo canto Raz non perde occasione per consigliargli i punti migliori in cui poter continuare la sua nuova attività, la barriera corallina infatti sarebbe l’ideale. Giacomo apprezza il consiglio, ma teme troppo le insidie di quella parte di mare e si accontenta della piccola missione portata a termine.
 
Ma non appena il sole comincia a tramontare sull’Isola del Fuoco, con lui scompare anche l’apparente stato di quiete che aveva invece caratterizzato le prime ore del giorno. Raz, infatti, non è d’accordo con la scelta della maggioranza di mangiare due ciotole di riso insieme al pesce che ha pescato lui stesso al mattino. È Samantha a tenergli testa nel difendere le scelte del gruppo, un gruppo che sembra sempre più trovare il coraggio di opporsi alle idee di colui che fino a quel momento si era posto come guida. Mentre il pesce cuoce sul fuoco, Giulia sottolinea quanto Raz non abbia capito che questo è un gioco, diventando pesante e aggressivo. Non a caso Raz dà loro dei “campeggiatori”, mentre lui sostiene di faticare tutto il giorno per mantenere il fuoco acceso. Decide così di lanciare una sfida: si prenderà 24 ore di riposo per dimostrare come i suoi compagni d’avventura non possano andare avanti senza di lui. Calano le tenebre e l'attore israeliano non demorde: ricorda a Giulia e Simone Susinna, accoccolati nella notte, di controllare il fuoco, cedendo quasi alla tentazione di prendersene cura lui stesso. Saldo nella sua presa di posizione va però a dormire in capanna, mentre i naufraghi si alternano per tener vivo il fuoco, fino alle prime luci del tredicesimo giorno.
 
All'alba del giorno successivo, Raz si sveglia e, tra orgoglio e stizza, fa notare agli altri che il fuoco si è quasi spento: aveva ragione, ora gli toccherà riaccenderlo. La colpa è di Giacomo, che durante il suo turno è caduto tra le braccia di Morfeo. Samantha cerca comunque di valorizzare l’impegno messo da ciascuno di loro. Il malcontento aumenta tra i naufraghi evoluti: la presunzione di Raz non è ben vista da nessuno, soprattutto da Simone e Giulia. Queste polemiche vengono però portate avanti in mancanza del diretto interessato, intento a meditare al largo, lontano da tutti. Ma ben presto l’attore israeliano torna ad essere ancora una volta in disaccordo con i compagni. Essendo a corto di legna, questi vorrebbero prendere e spostare un grosso tronco. Raz la ritiene una scelta ridicola, il tronco è troppo pesante. I ragazzi si sentono presi in giro e, ancora più motivati, spostano il tronco, sotto il ghigno di scherno di Raz che li osserva all’ombra della capanna. Giulia è più che felice di avercela fatta, “non si può sempre dargliela vinta”.

Arriva la notte e Raz non si arrende. Continua infatti a sostenere che quel tronco sia inutile, non brucerà mai. Le priorità dei naufraghi sono differenti: per Samantha e Giulio, infatti, se il fuoco dovesse spegnersi non sarebbe la fine del mondo. Raz fa da vedetta per tutta la notte e al sorgere del sole esterna a Samantha le sue preoccupazioni: il vento e l’acqua porteranno allo spegnimento del fuoco. Approfitta delle poche fiamme rimaste per andare a pescare, mentre Giacomo ironizza sui turni che “purtroppo” non si faranno più una volta spentosi il fuoco. Anche Giulia continua a non comprendere l’ansia del naufrago israeliano. Simone inoltre sottolinea quanto Raz tenda a mettersi contro il gruppo, ma proprio in quel momento l’oggetto della conversazione si palesa all’ingresso della capanna per ricordare ai compagni che è il caso di adoperarsi per mangiare qualcosa. Giulia vorrebbe che Samantha si imponesse un po’ di più con Raz, perché è una donna che sa prendere posizione. Anche Simone e Giulio non vogliono essere sudditi di nessuno. Rispettano Raz perché è molto abile, ma pensano anche che sia un bambino che esagera e poi cerca di rimediare chiedendo scusa. Dal canto suo, invece, Raz è contento dei suoi compagni d'avventura: sono tutti gentili e lui si trova bene con loro. Hanno passato insieme una settimana di fratellanza. Peccato che il fuoco si sia spento, perché se non ha qualcosa di cui prendersi cura non è appagato. Ma forse lo spegnimento del fuoco non è necessariamente una cosa negativa: Samantha, infatti, nota quanto Raz e il resto del gruppo ora siano decisamente più rilassati.