Isola dei Famosi

Ore
Torna su
Il naufragio

Il naufragio

La dodicesima edizione dell’#Isola si apre in modo insolito per i naufraghi, che vengono condotti a sorpresa verso Cayos Cochinos con un giorno d’anticipo, in un soleggiato pomeriggio domenicale. Ad accoglierli al molo trovano Stefano, che a sorpresa comunica loro che il naufragio non è ancora finito. Già, perché da qui in poi raggiungeranno Cayo Paloma a bordo di una zattera. Eva, pragmatica, nota subito l’assenza di remi per governarla e si preoccupa che vengano abbandonati lì tutta la notte. Intanto Bettarini, al grido di “Buona Isola!!”, si congeda dal gruppo.
 
Ora i naufraghi sono davvero lasciati al loro destino. La zattera, ancorata a terra da un grosso masso, fatica a muoversi. I più giovani prendono l’iniziativa e si tuffano in mare, mentre Nathaly, Eva, Massimo e Nancy confidano nell’aiuto dei compagni che cercano di trascinarli verso riva. Le donne, viste le difficoltà, raggiungono Cayo Paloma a nuoto mentre il comico toscano si fa aiutare. Samantha e Giulio, di buon umore, approdano sull’Isola scherzando tra loro e trovano immediatamente delle pelli da usare per stendersi durante la notte. Raz, fino a questo momento in disparte, nota che il sole sta calando e sprona il gruppo a darsi da fare prima che sia tardi. E mentre Massimo raggiunge l’#Isola a piedi, Eva apprezza che Raz sia già al lavoro e lo fa notare a Nancy, che subito si offre di aiutarlo. Ma Eva interrompe il lavoro di Raz per mostrargli un corallo e non si allontana finché non riceve risposta. O per meglio dire, un mugugno. Intanto Andrea si improvvisa capocantiere e, insieme a Raz, si mette subito all’opera per costruire un riparo. Eva non vuole essere da meno e propone a Massimo di pescare con una zanzariera, ma la sua idea viene subito liquidata.
 
A Cayo Paloma comincia ad alzarsi il vento e i naufraghi pensano a come attrezzarsi per la notte. Andrea propone di svuotare alcuni sacchi di iuta e di riempirli con la sabbia in modo da creare delle barriere anti-vento. Samantha, molto scrupolosa, chiarisce subito di non voler cedere il suo sacco, per paura di rovinare i suoi effetti personali. Mentre gli uomini lavorano alacremente, con l’aiuto di Giacomo Urtis che dà un tocco di stile alla capanna, Malena, Nathaly, Samantha e Nancy si dedicano al pettegolezzo: le donne ipotizzano nuovi sbarchi sull’#Isola. Ma di lì a poco nasce una divergenza d’opinione tra lei e Nathaly riguardo la sua “professione”. La Caldonazzo la ritiene una showgirl, mentre lei risponde piccata che è una conduttrice. Samantha svela inoltre qual è la sua missione sull’#Isola (no, non è convincere la Caldonazzo di non essere una showgirl): vuole far cambiare mestiere a Malena, trasformandola da pornostar a maestra d’asilo. Sempre pronto, Moreno chiosa: “Allora io ritorno a scuola!” Nel frattempo Raz si prende un momento per sé e si allontana dal gruppo, pronto a dormire distante dagli altri.
 
Intanto, Eva si congratula con gli uomini per aver costruito la capanna, mentre Nathaly ironizza: “Chi non ha fatto la capanna accenda il fuoco”. Massimo, che evidentemente si sente chiamato in causa, spiega che ciò che gli manca non è la voglia, ma proprio l’abilità di farlo. Di lì a poco un piccolo battibecco con Eva minerà la sua serenità: motivo del contendere, il pareo di Eva, che il comico avrebbe usato come giaciglio. Moreno fa da mediatore, convincendo Eva, che si era allontanata dal gruppo, a dormire con loro.
 
La mattina seguente, Cayo Paloma si sveglia sferzata da un vento incessante. Dayane, aiutata da Simone, decide inspiegabilmente di sciacquare le pelli in mare. Eva e Samantha, fomentate da Nancy, sono incredule. La Grimaldi pensa addirittura che sia una provocazione voluta, ma è la de Grenet ad indignarsi più di tutti: “Adesso quella rimane bagnata per chissà quanto tempo, il genio della lampada proprio”. Nancy e Samantha, ormai scatenate, commentano un bagno malizioso dei due “geni della lampada”, mentre Moreno interviene sagace: “Cos’è, una piccola esterna?”. La preoccupazione per il tempo coinvolge tutti i naufraghi, che si chiedono se migliorerà e quando le barche di produzione arriveranno a prenderli per la diretta della puntata.

La diretta incombe, ma il maltempo non dà tregua. I naufraghi non riescono a lasciare l’Isola. L’incontro con l’inviato, Stefano, è rimandato. Alessia si collega da Milano per salutare i nostri e informarli che, viste le eccezionali condizioni climatiche, dovranno sì passare la notte a Cayo Paloma, ma con la rassicurazione che il tempo è in miglioramento e che riceveranno un kit di sopravvivenza. Samantha non perde occasione per ricordare che sono 24 ore che il gruppo è sotto la pioggia. Un lapsus di Alessia, che scambia Raz, completamente avvolto nella cerata, per Massimo, riporta il buonumore prima del congedo da Milano.
 
Dopo essersi congedati da Alessia, i naufraghi si rimettono al lavoro per sistemare le prime falle della capanna, capeggiati da Samantha che, come una vera e propria maestrina, li istruisce su come procedere. I due veterani del gruppo, Massimo ed Eva, non riescono a contribuire attivamente. Massimo dà il suo benestare: “‘un le so’ fare ‘ste cose, lascio fare i ragazzi, mi fido”, mentre Eva, affamata, assaggia una pianta dell’#Isola. Samantha, infastidita da chi non collabora, continua a dare indicazioni per la manutenzione della capanna e cerca di coinvolgere anche i due più restii. Massimo si dimostra insofferente, la Grimaldi mangia (letteralmente) la foglia e inizia a darsi da fare per non essere nominata.
Si scorge una barca da lontano, è il kit!! Presto svelato il contenuto: sette scatolette di cibo, un telo e l’occorrente per pescare. All’arrivo del cibo corrisponde il primo vero battibecco tra De Grenet e Caldonazzo: la prima vorrebbe razionare il cibo per tempi più duri, mentre la seconda vuole usufruirne subito. La spunta Nathaly, che apre la sua scatoletta con un sasso appuntito e ne condivide il contenuto con Dayane. Raz e Andrea, infaticabili, si preoccupano di coprire la capanna con il telo impermeabile, prima che la notte avvolga Cayo Paloma e i suoi abitanti.