Isola dei Famosi

Ore
Torna su
Meteoropatia

Meteoropatia

La pioggia scuote l'umore e gli equilibri dei naufraghi.

Il quarantasettesimo giorno sull’Isola, un poco promettente venerdì diciassette, si apre con Raz Degan che cerca di rianimare la flebile brace rimasta accesa. L’israeliano si confronta con Simone Susinna e gli fa notare che, nonostante il fuoco sia stato coperto, non è stato alimentato a sufficienza. Nel momento in cui arrivano le nuvole, secondo lui, “tutti vanno a nanna” e vengono meno al loro dovere. Raz propone addirittura di escludere Nancy Coppola ed Eva Grimaldi non solo dai turni del fuoco ma anche dal suo utilizzo in generale: sarebbe meglio, dal suo punto di vista, chiedere aiuto, anziché lasciare tutto spegnersi e andare a dormire. In difesa delle donne, soprattutto di Eva, arriva Giulio Base: ci tiene a sottolineare quanto abbia piovuto durante la notte e quanto sia stata brava Eva. Anche Samantha De Grenet commenta la fatica dei turni al fuoco e il morale un po’ basso, dovuto soprattutto al tempo. Eva risente molto della pioggia che va e viene e rivendica con Malena e Simone il suo lavoro notturno per aver mantenuto viva non la fiamma ma la brace.

I naufraghi, ad eccezione di Eva – che comunque non disdegna un po’ di solitudine – e di Raz, si allontanano per un’escursione. Tutti cercano di procacciarsi del cibo e in qualche modo collaborano, mentre Giulio riflette sulle nuove dinamiche che si stanno creando, utilizzando un’insolita metafora per spiegare il suo atteggiamento: anche se gioca a calcio balilla con i suoi figli, l’intento è quello di vincere, naturalmente senza perdere l’allegria e l’amore che prova per loro. Simone, particolarmente colpito dalle falsità ormai smascherate, continua a condividere il cibo solo con chi gli va a genio e, quando si trova ad offrire un cocco a Nancy, le chiede se sia mai stato falso. Nancy ammette che non è mai stato così e si lamenta anch’essa di aver visto molto “gioco” da parte degli altri membri del gruppo: aspetta la diretta di martedì per scoprire cos’altro li attenda. Samantha avverte questo clima di insoddisfazione ed esterna il suo disagio ripetendo in modo ironico “Oh, che bella gita!”.

La breve convivenza di Eva e Raz non è felice: lei lo osserva mangiare un pesce davanti al fuoco, aspettandosi che lo condivida, cosa che però non accade. Invece, l’unica cosa che le chiede l’israeliano è se voglia un po’ di sali, che Eva rifiuta con un sarcasmo per niente velato. I naufraghi tornano dall’escursione sotto lo sguardo severo di Raz, immobile nella vegetazione. Samantha annuncia che hanno trovato parecchie lumache di mare ed Eva si interessa alla loro caccia e dichiara di essersi impegnata in loro assenza a preparare la tavola per pulire le lumache. Simone pesca ancora, mentre Eva racconta a Samantha quanto è successo con Raz: Eva fa emergere l’atteggiamento provocatorio dell’israeliano e la leader, mentre si dà da fare a rompere i gusci delle lumache, ricorda quando erano effettivamente un gruppo che “pensava al gruppo”.

La pesca di Simone va ancora a buon fine: Nancy festeggia, a differenza di Eva. La showgirl non perdona la nuova alleanza del modello con Raz e secondo lei ormai ognuno fa quello che vuole, in un’Isola che non le piace. La sua sfiducia nei confronti di Simone la porta a chiedere al modello se il pesce che ha pescato sia destinato al riso di tutti e l’insinuazione non sfugge affatto a Simone. Giulio, d’altro canto, prova anch’egli ad avvicinarsi a Raz, portandogli una lenza per andare a pescare e l’israeliano promette: “se pesco una cosa enorme, mangiamo tutti”. Giulio apprezzerebbe molto una simile condivisione. Il regista, comunque, ascolta anche Eva esprimere il suo malcontento e cerca di capire le sue motivazioni: le propone scherzosamente di formare un loro “mini-gruppo”, suggellando il patto con una stretta di mignoli. Il mini-gruppo, in ogni caso, si scioglie subito, quando Giulio propone di sdraiarsi un po’ al sole ed Eva reclama subito la sua indipendenza, dichiarando di avere delle cose da fare.

La tregua concessa dal tempo è breve: la pioggia torna, impietosa, a visitare i naufraghi e Samantha approfitta di essere sotto la tenda con le compagne per sfogarsi su Raz. Secondo lei, l’israeliano vuole a tutti i costi darle la colpa di non aver spostato il fuoco. La problematica passa in secondo piano quando, durante la notte, Samantha scoppia in lacrime per un dolore allo stomaco: Giulio ed Eva le si avvicinano subito e l’intervento del medico di produzione non è sufficiente. Samantha viene momentaneamente allontanata dall’Isola per ulteriori accertamenti. I due, impensieriti, la salutano mentre la barca che la trasporta prende il largo.